SILENZIO, ….. C’E’ IREN !

Nota di Francesco Fantuzzi , laureato in economia e commercio e docente al liceo scientifico Aldo Moro di Reggio, componente del comitato No Alla Multiutility del Nord

————————————-

Il deposito cauzionale sulla bolletta dell’acqua: perché i soci pubblici non dicono nulla?
L’ennesimo atto di arroganza verso gli oltre 27 milioni di cittadini che, quattro anni fa, hanno stabilito che l’acqua non sia trattata come una merce, e in palese contrasto con la Costituzione, che prevede all’art.3 che tutti i cittadini siano in egual misura sottoposti alla legge.
I soci pubblici, ancora maggioranza in Iren, non hanno nulla da eccepire?
Le bollette dell’acqua che molti utenti stanno ricevendo in queste settimane contengono una nuova voce di pagamento, il deposito cauzionale introdotto dall’Aeeg: si tratta di una somma da cui IREN andrà ad attingere in caso di morosità del cliente, incassando pertanto in anticipo somme solo eventualmente dovute in futuro.
Tale voce non riguarda gli utenti che hanno disposto la domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito della propria bolletta.
L’individuazione della somma sarà stabilita sulla base del consumo storico o, se tale dato non è disponibile, della stima della fascia di consumo in relazione al numero dei componenti del nucleo familiare.
Tale disposizione è, di tutta evidenza, illegittima e ingiusta.
Illegittima in quanto discriminatoria e in contrasto con la nostra Carta, perché non tratta tutti gli utenti allo stesso modo.
Ingiusta, in quanto penalizza coloro che non pagano con domiciliazione bancaria le bollette dell’acqua, presupponendo, non si comprende in base a quale principio, una maggiore probabilità di morosità future, e favorendo, ancora una volta, il sistema creditizio.
Se poi consideriamo che con tale norma viene introdotta una mera facoltà per i gestori, che possono, ma non sono tenuti, a richiedere il deposito cauzionale, sorge spontanea una domanda: che pensano gli azionisti pubblici di questo ennesimo sopruso nei confronti dei cittadini che dovrebbero rappresentare?
Il Tavolo nomaxiutility invita pertanto gli amministratori locali a far rispettare la Costituzione, richiedendo a Iren di non applicare in nessun caso la norma in questione e restituendo peraltro nelle prossime bollette le somme già illegittimamente trattenute.
Cosa succederà poi quando, finalmente, la gestione dell’acqua passerà ad una società pubblica? Entro quanto tempo IREN sarà poi tenuta a restituire la cauzione?
E, questione non ultima per importanza, quanti milioni di euro IREN stessa sta incassando in anticipo al fine di mettere qualche pezza al suo drammatico stato di insolvenza?
Infine, quando restituirà i 21 milioni di euro indebitamente incassati nel nostro territorio a seguito dell’esito referendario?
Sindaci, battete un colpo. Evitate un nuovo caso De Sanctis.

(Nota: Nicola De Sanctis ha recentemente lasciato la carica di amministratore delegato di Iren. Il comunicato di IREN : ” De Sanctis, che manterrà il rapporto di dirigente fino al 31 dicembre 2015, percepirà alla sua uscita una buonuscita di 900 mila euro, a cui si aggiungono 50 mila euro di bonus maturato sui risultati 2014 e 400 mila euro per l’incarico dirigenziale. ” …… Tutto questo in meno di 18 mesi di lavoro da Amministratore Delegato !!! Mi raccomando: tenetele sempre a mente queste situazioni, informate chi vi è vicino: solo con sapere, conoscenza, informazione possiamo fare qualcosa davvero per il nostro futuro).

Lascia un commento