Il Programma

Ecco qua il nostro programma elettorale, ed il nostro bilancio, da questi links potete scaricarli, se no seguite sotto per la parte testuale, Buona lettura, e… Commentate numerosi.

Obiettivi cittadini

L’art. 3 della Costituzione Italiana afferma che:
«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali».

1. TRASPARENZA E SEMPLIFICAZIONE

Il comune è un ente al servizio dei cittadini e a questi deve rendere conto del suo stato economico e delle sue spese. Le sedute di giunta e le commissioni consiliari saranno aperte al pubblico e messe in rete.
Il primo cittadino o chi ne fa le veci deve essere sempre disponibile al confronto e all’ascolto dei novellaresi.
Ogni tre mesi la giunta in uno spazio pubblico incontra i cittadini per aggiornarli e consultarli sulle scelte.
Massima trasparenza su appalti, sub appalti, visure camerali, certificati antimafia e sulle norme d’incarico per le consulenze con relativi compensi.
Ridurre al minimo le consulenze. I futuri consulenti saranno valutati attraverso il criterio di residenza e meritocrazia.
L’Amministrazione comunale deve sempre ricercare la semplicità di linguaggio in tutti i passaggi istituzionali, cercando di ridurre la complicata burocrazia a poche chiare regole.
Il portale del comune deve essere utilizzato dai cittadini di ogni lingua per:
– Svolgere la maggior parte delle pratiche burocratiche evitando spostamenti, code agli sportelli e sprechi di carta;
– Partecipare a consultazioni sulle questioni importanti;
– Fare segnalazioni di ogni genere presso i vari servizi;
– Autocertificazioni.
I concittadini avranno l’opportunità a rotazione di passare una giornata al lavoro con il primo cittadino.

2. RIFIUTI ZERO E ACQUA PUBBLICA

Consolidare il concetto che l’acqua è un bene pubblico, e adoperarsi in ogni sede affinché sia rispettato l’esito referendario del 2011.
Campagna di sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza per il risparmio idrico.
Impedire qualsiasi ulteriore ampliamento della attuale discarica di via Levata.
Impedire la cessione di S.A.Ba.R. a multiutility per evitare che l’asse decisionale sui rifiuti si allontani dal territorio e perché i soggetti all’orizzonte non ci convincono.
Chiedere la creazione di un tavolo regionale sul programma rifiuti aperto a tutti i sindaci.
Dichiarare il territorio di Novellara esente da qualunque impianto di incenerimento dei rifiuti.
Estensione della raccolta differenziata porta a porta in tutto il comune, frazioni comprese e successiva introduzione della TARIFFA PUNTUALE ovvero calcolare la tariffa non su parametri quali la superficie dell’immobile, il tipo di attività, il numero di occupanti, il numero di operatori, ma sul numero di ritiri del rifiuto indifferenziato (non riciclabile), metodo per premiare i comportamenti virtuosi “più ricicli meno paghi” sia per i cittadini privati sia per le attività produttive e commerciali.
Promuovere la vendita di prodotti sfusi e riutilizzabili.
Realizzare sul sito del comune uno spazio dedicato a ricerca e offerta a titolo gratuito di oggetti riutilizzabili.
Ristrutturazione, ampliamento e, se necessario, ricollocazione dell’isola ecologica, per renderla finalmente efficiente e accessibile a tutti i novellaresi, inoltre, attrezzarla con un centro di selezione e recupero dei materiali, che potranno essere scambiati.
Procedere con una moratoria sulle BIOMASSE riconvertendole a esclusivo utilizzo degli scarti organici anziché dei cereali.

3. AGRICOLTURA E TERRITORIO

Il territorio è un bene prezioso e non deve essere svenduto per fare cassa. Negli ultimi 50 anni il 20% della superficie agricola italiana è stato sacrificato per l’urbanizzazione. Oggi il 10% della superficie urbanizzata è in stato di abbandono.
Occorre preservare le nostre attuali aree agricole e forestali e sostenere l’agricoltura di qualità e a basso impatto ambientale.
Il comune si deve fare promotore presso enti di grado superiore (regione, ministero) di proposte che portino a un miglioramento delle aziende agricole per quanto concerne gli investimenti, la semplificazione amministrativa, le condizioni di lavoro, le condizioni d’allevamento degli animali, l’armonia paesaggistica tra le coltivazioni con la forestazione e l’edilizia rurale. Il comune deve vigilare attentamente sulla manutenzione delle opere di bonifica e sull’assetto idrogeologico generale. Realizzare rimboschimenti nelle aree marginali con piante tradizionali e autoctone che diano stabilità al terreno. Creare percorsi di interesse naturalistico come risorsa turistica e organizzare visite guidate. Dare in concessione a scuole e privati aree verdi per realizzare in orti condivisi coltivazioni biologiche. Agevolare la vendita diretta dei prodotti agricoli a km zero. Garantire il benessere agli animali e dichiarare il territorio di Novellara esente dalla vivisezione. Sostenere il canile intercomunale per garantire condizioni di dignità e benessere ai piccoli ospiti. Vietare il sorgere d’impianti a forte impatto ambientale per salvaguardare non solo la nostra salute ma anche le nostre produzioni agroalimentari. Rafforzare la vigilanza nei territori agricoli onde evitare situazioni di abbandono di rifiuti, incendi, randagismo, furti e vandalismi.

4. INTERNET

Il Comune deve permettere a tutti i cittadini l’accesso ad internet tramite Wi-Fi (rete senza fili raggiungibile con computer o smartphones), gratuitamente e con linea dedicata per i servizi di pubblica utilità.
Il servizio è gratuito e deve essere erogato con il riconoscimento tramite codice fiscale e carta d’identità.
Possibilità per i cittadini di rinunciare ai servizi internet personali ed usufruire della linea gratuita (con conseguente risparmio sulle bollette telefoniche).
Creazione di un portale comunale interattivo con tutti i servizi burocratici e con la possibilità di pubblicità da parte di Aziende Novellaresi per riattivare l’economia locale.
Passaggio da sistemi operativi a pagamento a sistemi gratuiti (Open Source) per tutta la pubblica amministrazione con conseguente risparmio di costi di gestione informatici.
La rete deve coprire non solo il centro storico ma anche le frazioni.

5. URBANISTICA E MOBILITA’

Fermiamo la cementificazione del nostro territorio!
Limitazione alle nuove urbanizzazioni al lordo dei diritti acquisiti. Lo spaventoso ritmo d’impermeabilizzazione del territorio degli ultimi decenni impone di dare un impulso immobiliare attraverso la riqualificazione di aree già urbanizzate, anche liberandole da certi rigidi canoni urbanistici. I criteri costruttivi vanno vincolati al risparmio energetico (almeno classe B) e ispirati all’uso di materiali riciclabili.
Stabilire tempi precisi per il completamento delle opere nel centro urbano evitando disagi prolungati.
Realizzazione e messa in sicurezza dei percorsi ciclabili nel centro urbano, verso le aree produttive, le frazioni e i comuni limitrofi.
Valorizzare al massimo la fruibilità del centro urbano con nuovi sensi di marcia.
Abbattimento delle barriere architettoniche nelle strutture pubbliche, soprattutto per favorire l’accesso ai disabili dai parcheggi al centro.
Rendere il ciottolato di piazza Unità d’Italia più confortevole e sicuro con soluzioni a basso costo.
Ultimata la tangenziale già progettata, la strada provinciale sarà declassata a strada comunale e resa finalmente più fruibile per la cittadinanza con pista ciclopedonale.
Garantire una efficiente manutenzione degli asfalti stradali e della rete fognaria.
Illuminazione pubblica basata maggiormente sull’energia rinnovabile e sui led.

6. SPORT

La pubblica amministrazione deve considerare lo sport anzitutto come fonte di benessere educazione e socializzazione.
Occorre favorire l’accesso alle varie pratiche sportive da parte di tutti, compresi anziani e disabili, mettendo a disposizione gratuitamente o al minimo costo strutture e spazi adeguati.
Intensificare la collaborazione con gli istituti scolastici per accedere a progetti sportivi finanziati sia da enti pubblici che da privati.
Tenere un dialogo costantemente aperto a sostegno delle associazioni sportive che operano sul territorio per dare sempre risposte immediate.
Istituire un tavolo di lavoro pubblico per la realizzazione di un palasport coinvolgendo l’opinione dei cittadini attraverso una consultazione popolare.

7. CULTURA E ATTIVITÀ RICREATIVE

L’Amministrazione dovrà rilanciare Novellara come “città d’arte” e di cultura.
Valorizzare al massimo la Rocca, il teatro e le piazze, realizzando mostre e manifestazioni di qualità che richiamino flussi importanti di visitatori.
Creare occasioni di partecipazione attiva all’arte, alla cultura, alle tradizioni, al folclore per di tutti i cittadini.
Facilitare l’utilizzo di impianti e spazi dove potere svolgere le varie attività.
Utilizzare le risorse liberate da manifestazioni inutili e costose, per promuovere nuove iniziative anche multiculturali, pianificandole con le associazioni presenti sul territorio, con le scuole di ogni grado, con i gestori di pubblici esercizi.
Ripresentare in veste attuale manifestazioni della nostra storia e tradizione come occasione di confronto per comunicare con le altre culture.
Rafforzare la disponibilità e l’ascolto verso le varie associazioni presenti sul territorio.

8. BANCA DEL TEMPO

Rendere operativa la “Banca del Tempo”. Essa è un istituto di credito di volontariato e di solidarietà dove non si deposita denaro né si riscuotono interessi. La moneta di scambio è il proprio tempo, sotto forma di competenze e servizi che possono spaziare dalle semplici attività quotidiane a vere e proprie prestazioni professionali.
Questo istituto si propone di dare organizzazione a ciò che esiste nella comunità come forma di aiuto tra le persone rompendo l’isolamento e consolidando i rapporti di buon vicinato.
L’Amministrazione comunale deve avere un ruolo attivo e fondamentale fornendo gratuitamente locali e attrezzature.

9. SCUOLA

La Scuola è un luogo privilegiato in cui costruire e accogliere cultura, formazione, prevenzione e multiculturalità.
Sostenere la continuità di progetti consolidati sul territorio in collaborazione con l’Amministrazione (punto ascolto, corsi di lingua per stranieri, borse di studio, corsi di recupero).
Incontri tematici educativi a sostegno della genitorialità, di problematiche adolescenziali urgenti (bullismo, rapporto con social network), della sicurezza ( prevenzione per eventi sismici), di pronto soccorso in collaborazione con la Croce Rossa.
Collaborazione con strutture educative e scuole di ogni ordine e grado per progetti di cura ambientale del territorio (piantumazioni, orti cittadini), di ecologia e rifiuti.
Riqualificazione di edifici in disuso, spazi aperti per attività extrascolastiche (laboratori pomeridiani, recupero compiti, nuova ludoteca) e per corsi formativi a costi contenuti (informatica, inglese, fotografia). I volontari della Banca del Tempo potranno essere una risorsa cittadina per organizzare dopo scuola pomeridiani e collaborare con le famiglie che richiedano un aiuto nella gestione dei propri figli.
Avvio di un progetto per recuperare materiale informatico dismesso da enti, aziende, privati, rigenerandolo e donandolo alla scuola per aggiornare i propri laboratori informatici.
Istituzione di un centro cittadino di vendita o scambio di libri scolastici usati.
La commissione controllo qualità delle mense scolastiche dovrà farsi garante di costante controllo affinché la loro fondamentale attività non si riduca ad una mera ricerca del minor costo economico.
Sosterremmo un progetto chiaro, trasparente, condiviso con i cittadini di un nuovo Polo Scolastico, per garantire a tutti gli alunni un ambiente di apprendimento sereno e caratterizzato dalla sicurezza della struttura e delle vie di accesso, anche negli attuali complessi scolastici. Il progetto dovrà essere discusso, vagliato e concertato con i cittadini novellaresi attraverso assemblee e incontri pubblici per una reale democrazia finalmente partecipata.

10. SALUTE, BENESSERE E POLITICHE SOCIALI

La difesa della salute dei cittadini implica la tutela della qualità dell’acqua, dell’aria e la protezione del suolo.
E’ necessaria una stretta collaborazione tra comune ed istituzioni sanitarie per l’attivazione di piani di prevenzione delle patologie ambientali.
Costante individuazione di zone e attività che possano solo potenzialmente mettere a rischio la salute.
In quest’ottica il primo cittadino dovrà:
Essere informato dello stato di salute della popolazione attraverso un vero osservatorio epidemiologico.
Garantire le migliori condizioni ambientali, di vita e di lavoro combattendo l’inquinamento (secondo il principio europeo di “CHI INQUINA PAGA”).
Informare se esistono pericoli per la salute collettiva.
Diffondere le informazioni sugli stili di vita sani.
Garantire che ogni cittadino abbia facile accesso non solo alle cure mediche ma anche ai servizi di ausilio sociale nelle situazioni di disabilità, disagio, solitudine, alcolismo, maltrattamenti, ludopatie.
Deciso contrasto al gioco d’azzardo legalizzato che sta causando fenomeni di disgregazione sociale sempre più preoccupanti. Proponiamo un punto d’ascolto informativo gratuito, permanente e pieno appoggio alle organizzazioni e agli specialisti che si occupano di questa piaga sociale.
Rendere più facile l’accesso ai servizi sanitari potenziando e semplificando il portale del servizio sanitario.
Potenziare i servizi di supporto alle famiglie ove ricorrano problemi di logistica e di mobilità.
Garantire una mobilità sostenibile.

11. LAVORO, POLITICHE FISCALI, SVILUPPO ECONOMICO

L’amministrazione non può chiudere gli occhi di fronte al dramma della disoccupazione, emergenza sociale devastante, degradante e mortificante.
Proporremo soluzioni immediate:
Un Fondo per aiuti concreti e temporanei a cittadini e famiglie che hanno perso il lavoro valutando ogni singola situazione.
Defiscalizzare (riducendo drasticamente l’addizionale IRPEF, le tasse sui servizi e sugli immobili produttivi) per ridare fiato alle imprese
Migliorare le infrastrutture per l’accessibilità ai siti produttivi.
Accedere a progetti finanziati dell’Unione Europea.
Istituire premi e borse di studio per i giovani che fanno impresa tenendo come criteri il miglioramento dei processi produttivi, la loro salubrità e il risparmio energetico.
Sfruttare l’informatizzazione dell’attività amministrativa per creare opportunità di lavoro per i diversamente abili.
Ottimizzare le competenze del personale dipendente dell’Amministrazione comunale.
Realizzare eventi e manifestazioni sui mestieri del futuro e su quelli estintisi nel miraggio dell’eterno boom economico.
Ridurre le tasse sul commercio, in particolare quelle assurde come insegne e ombra
Defiscalizzare il più possibile chi fa impresa nei primi 4 anni di attività.

12. SICUREZZA E LEGALITA’

Monitoraggio dei luoghi di aggregazione utilizzando la telesorveglianza per prevenire i rischi sociali come tossicodipendenze, vandalismi, microcriminalità.
Favorire la sicurezza urbana attraverso campagne informative grazie all’aiuto di istituti scolastici, Polizia municipale, Carabinieri e dei volontari della Pubblica Assistenza.
Messa in sicurezza di tanti crocevia pericolosi.
Censimento e periodici controlli degli appartamenti e capannoni sfitti per prevenire l’insediarsi di basi della criminalità organizzata e del lavoro nero.
Corsi di autodifesa per i cittadini.
Vigilare sulle situazioni d’illegalità amministrativa, finanziaria e commerciale isolando chi si rende responsabile di azioni fraudolente danneggiando il tessuto economico locale.
Creare in tutta la comunità una situazione di sicurezza e di fiducia per rendere il territorio di Novellara appetibile per gli investitori.

Questo programma può essere considerato in continua evoluzione, quindi chiunque può scaricarlo, proporre modifiche, e vederle attuare se il gruppo conviene che siano fattibili. Una buona occasione di dare il proprio contributo sarà il 15 Maggio, Durante l’evento il nostro Programmadel gruppo.

23 thoughts on “Il Programma

  1. Confermo. Programma work in progress. Sempre disponibili, anzi, volenterosi, di ricevere commenti, consigli o richieste di delucidazioni. Partecipazione e condivisione sono la base del nostro e vostro lavoro.

  2. gentilissimo Matteo, hai fatto un ottima osservazione sul programma e sul punto sicurezza.
    Gli obbiettivi cittadini, sono sempre in costruzione, in quanto siete, siamo proprio noi cittadini che lo strutturiamo giorno per giorno.
    abbiamo deciso di essere molto sintetici e concisi nella scrittura del nostro programma per non utilizzare paroloni, le solite frasi trite e ritrite, abbiamo deviso e voluto fortemente adottare un linguaggio semplice per essere i più chiari possibili. i nostri obbiettivi sono impegni, con e per i cittadini.
    grazie e continua a seguirci.

  3. Ho appena letto il programma, molto circostanziato, vorrei qualcosa in più sulla sicurezza dei cittadini io pensavo “anche se non può bastare” all’istituzione di un numero verde a cui i cittadini possano fare riferimento, per segnalare situazioni anomale e gestito dalla polizia municipale, non utilizziamo tale corpo solo per elevare multe o fare da esattori per il mercatino dell’antiquariato o quello del giovedi. Bisognerebbe utilizzare una pattuglia per intervenire per verificare le segnalazioni e non mi dite che ci sono i carabinieri, provate a fare una segnalazione, primo vi fanno il terzo grado secondo, se non ci sono feriti o morti arrivano dopo due ore. Un appunto al sig. Alex Novelli, ho seguito la minuziosa ricostruzione sui soldi del blog di grillo e sulle nomine all’interno del movimento io gli vorrei dire che i soldi anche se fossero tanti non sono pubblici a differenza di quelli che arrivano all’interno del suo partito il PD perchè è sicuro che sei del PD inoltre in quanto a nepotismo nel Pd c’è solo da guardare e vedere i Berlinguer i Fassino e via dicendo tutti sul nostro libro paga. Prima di criticare guardate in casa Vs e fate un pò di pulizia”rottamate” Ciao a tutti avanti cosi!

  4. Ciao a tutti …
    E’ con orgoglio e vibrante soddisfazione che dico a voi cittadini di Novellara 5 Stelle : ” complimenti a tutti , veramente un ottimo lavoro , fatto con il cuore per Novellara ”
    Ricordiamo a chi nei prossimi anni ci copierà il programma, che il nostro era quello del 2014 😉 …

    1. un pò come oggi i partiti grossi, presentatisi come liste civiche hanno fatto con il nostro programma del 2009 Nazionale :-). Il fatto è che gli unici credibili siamo noi… #vinciamonoi

  5. Beh le risposte sono semplici, e basta leggere lo statuto, guardare qualche video sul blog. Comunque te le riporto così eviti di cercare siccome fino ad oggi hai dimostrato di leggere a metà le fonti (forse sei sfaticato?), facendo domande su cose che tramite i tuoi stessi link davano risposta, bastava leggere anche gli approfondimenti o altri articoli… Purtroppo di gente mediocre come te ce ne capita tutti i giorni, tra l’altro sotto falso nome, ma qui ci torno dopo.
    Casaleggio insieme a Beppe Grillo è fondatore del Movimento, pur non essendo menzionato negli atti (all’epoca per questioni di velocità burocratica non era presente) ne rimane l’ideatore, e Si, la sua società gestisce il blog, ti devo anche rispondere il ruolo che ha nel M5S? leggi bene sopra :-), Lo hanno deciso mentre è venuta l’idea di fondare il movimento. E’ così difficile capire che se due persone decidono di fondare un movimento poi all’interno di questo ogniuno ci mette il proprio ‘sapere, know how’? Casaleggio avendo una società del settore ha pensato al blog e Grillo ci ha messo la faccia.. Mentre sulle ultime due supposizioni ti chiedo, chi sono questi due? la tua fonte? il sentito dire?

    Ora torno al bello della questione: abbiamo individuato l’ip di partenza… ma tu bravo furbone, anzichè rimbalzare una decina di ip ne rimbalzi solo uno, hai reso a noi il compito solo più facile, quando si usano i PROXY bisogna anche studiarne le impostazioni. Io oltre non posso andare, ma la Polizia postale si. Ciao LAMER

  6. carissimo Alex vedo con molto stupore che ha un sacco di tempo x andare a cercare tutti questi siti notizie su grillo le sta molto a cuore informarci di tutto questo la ringrazio ma non sono personalmente interessato alle informazioni che ci ha riportato se mi servono sono in grado di informarmi da solo senza il vostro aiuto quando mi serviranno informazioni che non riesco a trovare la vengo a contattare x tanto quello che lei ci a riportato e come una foglia al vento non a nessuna utilità x me grazie e distinti saluti

  7. Un’ultima cosa con riferimento al link. Come mai il committente della DNV per quel che riguarda le votazioni online per la scelta del presidente della repubblica e’ la “Casaleggio Associati”? Perche’ e’ la societa’ che gestisce il sito di Beppe Grillo, giusto? Allora la domanda e’: che ruolo ha la Casaleggio Associati nel M5S? Chi lo ha deciso? Come mai gli eletti del M5S al Parlamento europeo saranno affiancati da due esperti della Casaleggio Associati? Chi lo ha deciso?

    Come vedi domanda tira domanda, soprattutto quando non si ricevono risposte.

  8. “Giornalettismo” che fonte sarebbe? Comunque, come mai non si trova nulla sul sito di Grillo, cosi’ da evitare dubbi e mistificazioni? Io se fossi un attivista ci terrei a venire a sapere proprio dal sito di Grillo che i miei voti online sono certificati da un ente esterno.

    Ad ogni modo su quel link si dice che la DNV ha certificato le votazioni per la scelta dei candidati della presidenza della repubblica (aprile 2013), ma non fa nessun riferimento alle votazioni successive. Quelle, per intenderci, che riguardavano la gestione interna del movimento (espulsioni, candidature alle europee, ecc).

    Ripeto: il link che mi hai dato precedentemente e’ il sito della DNV, il che non dimostra niente se non l’esistenza di una ditta denominata DNV. Il sito della DNV non dimostra che il M5S e’ cliente della DNV.

    Dove si trovano i bilanci del sito di Grillo? La risposta e’ che “si trovano alla Camera di commercio di Genova”. Cosi’ ha risposto Grillo a chi glielo chiedeva. Alla faccia della trasparenza. Basterebbe postare un PDF sul sito. Perche’ non lo fa?

    Chi usufruisce degli introiti del sito, sede ufficiale del M5S? Il M5S o Grillo?

    Passo e chiudo.

  9. Vuoi vedere un documento della DNV? http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2013/04/dnv-business-assurance.jpg questo è stato fatto dopo un attacco hacker durante una votazione…. e te lo linko da un sito esterno per via della credibilità, tra l’altro le stesse fonti che hai citato riportano notizie sulla DNV…

    ps: non cliccare solo foto, leggi anche cosa c’è scritto se no poi domani al bar racconti soltanto che ti è stato linkato un documento della DNV che non prova nulla, e che la DNV non c’entra nulla con le certificazioni dei voti sul blog per gli attivisti iscritti e certificati, ah scusa, come sempre non sarebbe il tuo caso, non sei una persona che parla non conoscendo i fatti…

    poi se non sbaglio non avevi detto che avresti smesso di scrivere per via del dibattito … come lo avevi definito?

    1. Dove sta scritto sul sito di Grillo che la DNV e’ la sede certificatrice delle votazioni online?

      Dove si trovano i bilanci di Grillo? Questa domanda la chiese anche la Gabanelli.

      Il link che mi hai dato e’ il sito della DNV, il che non dimostra niente.

  10. I file corretti del non statuto si trovano sul blog di grillo. L’ente certificatore viene menzionato sul blog basta cercare, tra l’altro è uno dei più grandi al mondo. Ripeto che la diffamazione è quella contro le persone. Non si tratta di difendere o zittire, ma di dire le cose come stanno. Per zittire ci sono i ban, e le cancellazioni dei messaggi.
    Citando una risposta al blog del fatto quotidiano, dove son scritte queste accuse, riporto anche:
    Questa cosa dello statuto è vecchia infatti lo hanno dovuto fare per potersi candidare dato che negli ultimi mesi del 2012 avevano cambiato le legge elettorale proprio per poter tenere fuori il M5S!
    In un video di Grillo, lamentava proprio il fatto che avevano cambiato legge elettorale e che avevano bisogno di fare uno statuto per candidarsi.

    I dibattiti possono essere sempre visti come pieni di informazioni, interessanti o meno, anche sterili, ma rimangono dibattiti e l’atteggiamento da persona che vuol chiudere (sottolineandolo per ben due volte), dimostra solo che quella persona scappa dal dibattito… (mi ricorda molto… can che abbaia….).

    1. Io vi ho riportato fonti ben precise e circostanziate, tutti documenti ufficiali del M5S.

      Sull’ente certificatore sta a voi dirmi qual’e’, ma a tutt’ora niente risposta, semplicemente perche’ la risposta non esiste. Se vi allieta avere votazioni online senza ente certificatore (fino a prova contraria che vi richiedo per la seconda volta con link delle fonti), benissimo. Per me e per tanti altri, se permettete, si tratta di un’enorme presa in giro.

      Nell’atto notarile che costituisce il M5S ci sono scritte cose molto ben precise e inequivocabili. Il fatto che un atto notarile fosse indispensabile per partecipare alle elezioni non giustifica che il M5S abbia un proprietario (Grillo), suo nipote come vice-presidente e il suo commercialista come segretario. Ma se la cosa non vi disturba e non vi fa nascere sospetti, non ci sono problemi. Io un partito cosi’ non lo votero’ mai.

      Se a voi sta bene che la vostra sede ufficiale sia il sito di Grillo, benissimo. Sito dove Grillo intasca un sacco di soldi (suoi non del M5S) per la pubblicita’ e quant’altro. Per me e’ una aberrazione.

      Come vedi, una volta chiariti i fatti (a parte l’ente certificatore), abbiamo opinioni differenti. Tutto qui.

  11. Ho espresso fatti e opinioni.

    FATTI:

    Grillo e’ il proprietario del M5S, come da statuto costitutivo dell’associazione Movimento 5 Stelle. Suo nipote e’ vice-presidente e il commercialista di Grillo ne e’ il segretario.

    http://www.huffingtonpost.it/2013/03/12/ecco-statuto-movimento-5stelle_n_2860351.html

    Il sito di Grillo e’ la sede del movimento, come si evince dal non-statuto:

    https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/materiali-bg/Regolamento-Movimento-5-Stelle.pdf

    Fino a prova contraria (se ce l’avete) da nessuna parte si menziona l’ente certificatore delle votazioni online. Questo ovviamente e’ un problema piuttosto serio poiche’ i risultati potrebbero essere manipolati dai proprietari del sito.

    OPINIONI

    Come tali, non sono passibili di denuncia. Non c’e’ nessuna diffamazione in quello che ho scritto. Poi che vi piaccia e’ un altro paio di maniche. Se per difendervi o zittire le opinion altrui dovete ricorrere alla minaccia di esposti e denunce per reati inesistenti, significa che non avete argomenti.

    Comunque, visto che la discussione e’ abbastanza sterile, e che non voglio abusare del vostro spazio, per quel che mi riguarda possiamo chiuderla qui.

  12. Ecco che qui cadi nel peccato della presunzione, caro Alex Novelli, si vede che l’informazione non è il tuo forte e parli per sentito dire, basta informarsi un attimo da qui: http://www.beppegrillo.it/ per trovare, per esempio la società certificatrice dei voti… O eventualmente scrivere una lettera alla casella postale di Grillo, ma scommetto che non lo farai mai, preferirai diffamare senza conoscere le realtà, per questo motivo, così come ti ho scritto nella pagina del programma, ti richiamo all’attenzione.
    Riguardo i video e il primo periodo della tua affermazione, purtroppo non abbiamo dietro un staff pagato dai contribuenti (gli stessi che hanno chiesto l’abolizione del finanziamento ai partiti), che ci aiuti. Pertanto nel tempo libero riempiamo il blog di informazioni. Ovviamente senza uno staff professionale su qualcosa siamo ancora carenti, ma miglioreremo sicuramente! Tra l’altro non chiediamo di certo voti, ma partecipazione. Discorso ribadito più volte ai nostri incontri.
    Riguardo il programma lo abbiamo, non ci influenzi con le tue affermazioni diffamatorie, ripeto il richiamo sull’attenzione…
    Nel terzo e quarto periodo ci sono alcune affermazioni diffamatorie, inesattezze, che provvederemo a segnalare allo staff del Movimento 5 Stelle

  13. Ciao Alex Novelli, grazie di aver lasciato un messaggio sul blog.
    Il programma è pronto per essere pubblicato, tra l’altro abbiamo inserito punti discussi con i cittadini nelle occasioni passate, il 17 aprile avremo l’ultimo incontro con i cittadini e se arriveranno delle nuove idee, possibili da portare a termine, non come promesse elettorali, ma come obiettivi realizzabili, probabilmente aggiungeremo anche quelle.
    Riguardo la pubblicazione vorrei solo precisare una cosa, siccome probabilmente non ne sei a conoscenza, come tutti coloro che non hanno partecipato ai nostri eventi: Verrà pubblicato in data 26 aprile, dopo il deposito in ufficio elettorale. Scrivere ora sul blog un programma nostro, sapendo che altri hanno fatto copia e incolla dal nostro stesso programma del 2009 (riportandolo oggi nel 2014), non aggiungendo cosa fare per i cittadini novellaresi sembrerebbe una presa in giro. Quindi, 1- Per evitare che chi ha più possibilità mediatiche (Finanziamenti ai partiti…. ricorda qualcosa?, Le TV, ed i giornali), copi da noi per farselo suo, prima lo facciamo vidimare e solo dopo lo pubblichiamo; 2- Sul nostro volantino per ora sono presenti i TITOLI dei nostri obiettivi cittadini, che danno già una vaga idea di come sarà strutturato il programma; 3- Noi non chiediamo voti, ma partecipazione. Per i motivi sopra scritti, come ben sai molti nostri messaggi dalle TV e dai giornali non passano, e a volte è sufficiente cambiare una parola, una virgola, o comunque una piccolezza per modificare il senso delle frasi per rivoltarcele contro. Tra l’altro siamo nuovi della politica e non vogliamo fare errori, quindi ti chiedo un pochino di pazienza ancora siccome tra 2 settimane potrai leggere il programma sia sul blog che in pdf.

    Riguardo il discorso della fiducia ti faccio una controdomanda :-), ti fidi ancora di chi rappresenta chi ha condonato 3 finanziarie alle slot machine? Di chi ha regalato mezza finanziaria alle banche private? di chi dice NO alla Guerra, ma poi vota si agli F35 e alle missioni di PACE? Finisco qua perchè ci sarebbe da aggiungere ancora molto, per esempio questo: http://www.novellara5stelle.it/wp-content/uploads/2014/03/voti.parlamento.jpg

    Un saluto, e… Aspetto un nuovo commento 🙂

    1. Sara’, ma sul sito io vedo molti video e niente riguardo a biografie e programma. Dalla videocrazia berlusconiana alla internet-crazia pentastellata. Poi magari avete ragione voi, si prendono piu’ voti postando i video sugli aperitivi che noiosi programmi e biografie.

      Sul fatto che il programma ve lo possano plagiare, esistono regole al riguardo e comunque ve lo potrebbero “rubare” anche dopo il deposito ufficiale. L’impressione per chi visita il sito e che non conosce i retroscena e’ che non abbiate un programma.

      Certamente non mi fido di un partito padronale come il M5S, dove c’e’ un padrone, capo politico, garante, provibiro, portavoce, e simbolo. Che ha messo suo nipote come segretario e il suo commercialista come presidente. Che ha messo il suo nome e il suo marchio commerciale privato (beppegrillo.it) sul simbolo elettorale. Anche qui assomigliate molto a Forza Italia.

      Grillo e’ pure proprietario del blog, con cui fa soldi a palate che si tiene in tasca sua. Blog che e’ anche la sede ufficiale del M5S. Che non ha certificatori esterni quando fanno le votazioni online. La favola dell’uno vale uno, purtroppo, si e’ rivelata una grande fregatura.

      1. alex io non ci vedo nessun problema???
        ha fondato lui il movimento,dove sta il problema se il marchio e il suo se a messo chi,dove vuole lui prende soldi con la pubblicita’ e per te e un problema??
        se vuoi gli chiediamo di rubare come tutti gli altri,se preferisci questo e meglio anke per noi fidati!!!
        volete propio trovare il pelo nel uovo, ok fate pure!!!!
        ma l’onesta’ ritornera di moda, e queste richieste sono solo il pretesto per buttare fango su qualcosa che vi fa molta paura LA VERITA’……..!!!!!

Lascia un commento