Monthly Archives: Settembre 2019
Novellara plastic free!

Siamo contenti che sindaco e assessore all’ambiente, dopo due anni (nel 2017 fu bocciata una mozione simile sulle vettovaglie usa e getta, i tempi all’epoca non erano “maturi”, reperibile nella sezione documenti) si siano ricreduti e finalmente si attivino per portare un percorso di dismissione della plastica. “ plastic free” è un punto del nostro programma che abbiamo fortemente voluto, è la prima mozione di questo quinquennio che abbiamo deciso di presentare. L’ambiente è una delle nostre stelle, pertanto, crediamo che queste tematiche debbano essere trasversali alla politica.

La produzione mondiale di plastica è passata dai 15 milioni del 1964 agli oltre 310 milioni attuali, da un recente articolo del wwf.

Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani del mondo e, ad oggi, si stima che via siano più di 150 milioni di tonnellate di plastica negli oceani. Se non si dovesse agire per invertire la tendenza proseguendo con i trend attuali (Business As Usual, fare come se niente fosse) gli oceani potranno avere nel 2025 una proporzione di una tonnellate di plastica per ogni 3 tonnellate. di pesce mentre nel 2050 avremo, in peso, negli oceani del mondo più plastica che pesci.

La mozione presentata nello specifico comprende:


● Di aderire alla “Plastic Free Challange”;
● L’impegno nel tendere ad eliminare, in tutti i locali gestiti direttamente
dall’Amministrazione comunale (uffici, biblioteca, sala consiliare, ecc.) e nelle Scuole di ogni ordine e grado, l’uso di bottiglie di acqua in plastica e di altri materiali plastici monouso o non biodegradabili;
● Di attuare un percorso che porti a dismettere totalmente l’utilizzo di stoviglie in plastica “usa e getta” durante qualsiasi manifestazione pubblica, organizzata o patrocinata dall’amministrazione comunale, come stabilito nella direttiva europea sulla “riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente” del 28 marzo 2019, anticipandone l’effettiva entrata in vigore rispetto alle scadenze da essa stabilite; verrà stabilito un breve periodo di transizione per garantire lo smaltimento delle scorte disponibili.
● Coinvolgere gli esercizi commerciali presenti sul suolo comunale in un percorso che porti alla riduzione della vendita di prodotti in plastica monouso e di prodotti con imballaggi impattanti per l’ambiente.
● L’impegno a introdurre nelle mense scolastiche l’utilizzo di stoviglie biodegradabili e compostabili oppure l’utilizzo di stoviglie di ceramica, inserendo nei bandi di gara per la gestione del servizio di refezione scolastica per la mensa comunale – tra i criteri di valutazione e aggiudicazione – l’utilizzo delle medesime.
● L’impegno nel promuovere e diffondere l’utilizzo di materiali compostabili (PLA, cellulosa, cartone,…) o riutilizzabili per il contenimento di bevande e cibi come valida alternativa nei punti vendita e nelle pubbliche manifestazioni, avvalendosi anche della possibilità di creare un tavolo di lavoro con S.A.Ba.R, Comune, associazioni ed esercenti per formare ed informare le persone coinvolte nell’utilizzo di queste vettovaglie.


Quella strada non sa’ da fare!

A fronte dell’ennesima bocciatura, i motivi li lasciamo discutere ad altri, rilanciamo la nostra proposta che proponiamo da sempre (immagine tratta dal programma elettorale 2019):

Crediamo che sia giunto il momento per l’amministrazione comunale Di abbandonare questa inutile battaglia e operarsi per i cittadini.
il m5s lo dice da anni: serve un piano b.