Monthly Archives: marzo 2015
“come i rifiuti all’improvviso”

UNA FAMOSA CANZONE DI ZUCCHERO RECITA “COME IL SOLE ALL’ IMPROVVISO” MA DA LUNEDI’ 23 FEBBRAIO 2015 POTREMMO RIVISITARLA PER I CITTADINI DELLA BASSA REGGIANA CON “COME I RIFIUTI ALL’ IMPROVVISO”.  

SABATO 21 FEBBRAIO ABBIAMO APPRESO DA TV E STAMPA LOCALI CHE INIZIA IL PERCORSO DI CHIUSURA DELLA DISCARICA DI POIATICA;  SI E’  ANCHE CONCLUSO IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI SOLIDI URBANI PRESSO LA DISCARICA DEL COMUNE DI CARPINETI GESTITA DA IREN, A SEGUITO DEL COMPLETAMENTO DEI VOLUMI AUTORIZZATI CON IL QUINTO E ULTIMO LOTTO. LA CHIUSURA FA SEGUITO ALLA DECISIONE DELLA PROVINCIA DI REGGIO DI NON AUTORIZZARE L’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA IN ASSENZA DI UNA PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA GESTIONE RIFIUTI. 

DOPO LA CHIUSURA DI RIO RIAZZONE DI CASTELLARANO, DELL’INCENERITORE DI CAVAZZOLI, DELLA DISCARICA DI POIATICA COSA ACCADRA’?

 pattume

QUESTI RIFIUTI DA QUALCHE PARTE DOVRANNO ANDARE DUNQUE, DA LUNEDI’ 23 FEBBRAIO I RIFIUTI INDIFFERENZIATI IREN DEI COMUNI REGGIANI SONO TUTTI CONFERITI NELLA DISCARICA DI NOVELLARA.

SI TRATTA DI CIRCA 10 MILA TONNELLATE AL MESE (presumibilmente per tutto il 2015) CHE SI ANDRANNO AD AGGIUNGERE ALLE 6000 DI S.A.BA.R. PER UN TOTALE DI 16000 TONNELLATE DI RIFIUTI AL MESE SENZA CONTARE ALL’AUMENTO DELL’INQUINAMENTO PER I NUMEROSI SPOSTAMENTI DEI MEZZI IREN (cit.articolo24emilia 26/02/2015).  LA QUESTIONE CHE CI LASCIA PERPLESSI E’ CHE I SINDACI DEGLI OTTO COMUNI (BRESCELLO, REGGIOLO, GUASTALLA, NOVELLARA, POVIGLIO, LUZZARA, BORETTO, GUALTIERI) NON SI SIANO MINIMAMENTE PREOCCUPATI DI AVVISARE I CITTADINI CHE HANNO APPRESO LA NOTIZIA DAI TG O GIORNALI LOCALI.

cartina

DA QUANTO TEMPO I SINDACI DELLA BASSA LO SAPEVANO? LA TRASPARENZA TANTO SBANDIERATA DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE DOVE E’ FINITA? CHE VALORE HA? I SINDACI DEGLI 8 COMUNI NON HANNO LA RESPONSABILITA’ DELLA SALUTE DEI PROPRI CITTADINI? QUALI CONTROLLI SONO PREVISTI PER QUESTA ENORME QUANTITA’ DI RIFIUTI IREN PROVENIENTE DA PIU’ PARTI FUORI COMPRENSORIO? S.A.BA.R HA UNA PERCENTUALE RIFIUTI TUTELATA RISPETTO A QUELLA DI IREN? NON E’ CHE IREN HA DEGLI “APPETITI” SU S.A.BA.R? NON SI POTEVA PREVENTIVARE PRIMA LA CHIUSURA DI POIATICA ED AFFRONTARE IN MODO PIU’ “ECOLOGICO E SOSTENIBILE” LA SCELTA DI UTILIZZARE NOVELLARA COME UNICA SOLUZIONE AI RIFIUTI REGGIANI? CI CHIEDIAMO PERCHE’ NON OPPORSI CON TENACIA, CORAGGIO E COERENZA (vedi dichiarazione dei gruppi politici Novellaresi nel 2011) COME HANNO FATTO I SINDACI DELLA MONTAGNA A SEGUITO DI UN’INCHIESTA PER GESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI E DI DUE PERIZIE DISPOSTE PER ACCERTAMENTI CHE RIGUARDANO RADIOATTIVITA’ E PERCOLATI NOCIVI (cit. articolo Gazzetta Reggio 25/02/2015), ANCORA,  PRIMA DI ACCOGLIERE I RIFIUTI DI IREN NON SAREBBE STATO OPPORTUNO REDIGERE UN SERIO E OMOGENEO PROGETTO RIFIUTI PROVINCIALE CON IL PORTA A PORTA A TARIFFA PUNTUALE SU TUTTO IL TERRITORIO REGGIANO IN MODO DA DIMINUIRE L’INDIFFERENZIATO IL PIU’ POSSIBILE, INVECE DI SPOSTARE IL PROBLEMA DA UNA DISCARICA ALL’ ALTRA? LA SCELTA DI USARE S.A.BA.R. COME PATTUMIERA E’ LA PROVA PROVATA DI UN FALLIMENTO DEI VARI PIANI D’AMBITO DI GESTIONE RIFIUTI, PARZIALI ED ETEROGENEI SUL NOSTRO TERRITORIO. INOLTRE, PERCHE’ OTTO COMUNI DEVONO ABBASSARE LA TESTA DI FRONTE A IREN E ACCETTARE PASSIVAMENTE LE SUE DECISIONI A DISCAPITO DELLA SALUTE DEI CITTADINI? 

COME GRUPPO CONSIGLIARE ABBIAMO GIA’ PREDISPOSTO UN’INTERPELLANZA PER CHIEDERE CHIARIMENTI AL SINDACO E ALLA GIUNTA COMUNALE.