Novellara plastic free!

Siamo contenti che sindaco e assessore all’ambiente, dopo due anni (nel 2017 fu bocciata una mozione simile sulle vettovaglie usa e getta, i tempi all’epoca non erano “maturi”, reperibile nella sezione documenti) si siano ricreduti e finalmente si attivino per portare un percorso di dismissione della plastica. “ plastic free” è un punto del nostro programma che abbiamo fortemente voluto, è la prima mozione di questo quinquennio che abbiamo deciso di presentare. L’ambiente è una delle nostre stelle, pertanto, crediamo che queste tematiche debbano essere trasversali alla politica.

La produzione mondiale di plastica è passata dai 15 milioni del 1964 agli oltre 310 milioni attuali, da un recente articolo del wwf.

Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani del mondo e, ad oggi, si stima che via siano più di 150 milioni di tonnellate di plastica negli oceani. Se non si dovesse agire per invertire la tendenza proseguendo con i trend attuali (Business As Usual, fare come se niente fosse) gli oceani potranno avere nel 2025 una proporzione di una tonnellate di plastica per ogni 3 tonnellate. di pesce mentre nel 2050 avremo, in peso, negli oceani del mondo più plastica che pesci.

La mozione presentata nello specifico comprende:


● Di aderire alla “Plastic Free Challange”;
● L’impegno nel tendere ad eliminare, in tutti i locali gestiti direttamente
dall’Amministrazione comunale (uffici, biblioteca, sala consiliare, ecc.) e nelle Scuole di ogni ordine e grado, l’uso di bottiglie di acqua in plastica e di altri materiali plastici monouso o non biodegradabili;
● Di attuare un percorso che porti a dismettere totalmente l’utilizzo di stoviglie in plastica “usa e getta” durante qualsiasi manifestazione pubblica, organizzata o patrocinata dall’amministrazione comunale, come stabilito nella direttiva europea sulla “riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente” del 28 marzo 2019, anticipandone l’effettiva entrata in vigore rispetto alle scadenze da essa stabilite; verrà stabilito un breve periodo di transizione per garantire lo smaltimento delle scorte disponibili.
● Coinvolgere gli esercizi commerciali presenti sul suolo comunale in un percorso che porti alla riduzione della vendita di prodotti in plastica monouso e di prodotti con imballaggi impattanti per l’ambiente.
● L’impegno a introdurre nelle mense scolastiche l’utilizzo di stoviglie biodegradabili e compostabili oppure l’utilizzo di stoviglie di ceramica, inserendo nei bandi di gara per la gestione del servizio di refezione scolastica per la mensa comunale – tra i criteri di valutazione e aggiudicazione – l’utilizzo delle medesime.
● L’impegno nel promuovere e diffondere l’utilizzo di materiali compostabili (PLA, cellulosa, cartone,…) o riutilizzabili per il contenimento di bevande e cibi come valida alternativa nei punti vendita e nelle pubbliche manifestazioni, avvalendosi anche della possibilità di creare un tavolo di lavoro con S.A.Ba.R, Comune, associazioni ed esercenti per formare ed informare le persone coinvolte nell’utilizzo di queste vettovaglie.


Quella strada non sa’ da fare!

A fronte dell’ennesima bocciatura, i motivi li lasciamo discutere ad altri, rilanciamo la nostra proposta che proponiamo da sempre (immagine tratta dal programma elettorale 2019):

Crediamo che sia giunto il momento per l’amministrazione comunale Di abbandonare questa inutile battaglia e operarsi per i cittadini.
il m5s lo dice da anni: serve un piano b.

Grazie.

Desideriamo ringraziare i cittadini di Novellara che hanno scelto il movimento 5 stelle.

Grazie a voi vediamo riconfermati 2 consiglieri del m5s !!!!!

infatti, entrano in consiglio comunale Giovanni Mulè (candidato sindaco già consigliere) e Matteo Ferrazzano.

Gli attivisti del movimento ringraziano Stefano Paterlini per i 5 anni di impegno in consiglio comunale, lunghi e non semplici.

“la via dell’onestà è la più difficile e faticosa, ma a fine giornata quando spegni la Luce e vai a dormire, sai che hai fatto tutto quello che dovevi fare con umiltà. Il senso di pace che ti accompagna nel sonno sarà più Grande delle delusioni subite.”

Giovanni Mulè

Tratta ferroviaria Guastalla-Reggio Emilia, proseguono i disagi e i disservizi

Nonostante l’attenzione della stampa locale e nonostante la petizione con 413 firme depositata in Regione Emilia Romagna il 24 dicembre 2018, i pendolari e gli studenti utenti della tratta ferroviaria Guastalla-Reggio Emilia non trovano ascolto alle loro richieste di maggiore efficienza e sicurezza del servizio di trasporto pubblico locale. Regione e TPER sono sorde dinanzi alle continue lamentele degli utenti e alla richiesta, più che legittima, di un trasporto di qualità. E’ appena trascorsa la settimana di “passione” dei trasporti locali che ha visto episodi ormai intollerabili di soppressioni per guasti e ritardi anche di 45 minuti. Ultimo il blocco del treno 90180 sabato 13 aprile alle 13,19 presso la stazione di S. Croce, di ritorno da Reggio Emilia verso Guastalla. Gli studenti, bloccati e ignorati per più di mezz’ora, senza ricevere alcuna spiegazione, sono poi dovuti scendere dal treno e prendere quello successivo. Come consiglieri M5S dei Comuni coinvolti è nostra precisa intenzione tenere monitorata la situazione dei trasporti locali senza mai abbassare lo sguardo sulla pessima gestione da parte della Regione. Occorrono per il futuro impegni precisi nel costruire un costante dialogo con TPER e Regione Emilia Romagna per risolvere disservizi e ritardi nella fase di transizione verso il progetto di elettrificazione della metropolitana di superficie verso Mantova, progetto che ricordiamo ha iniziato il suo percorso di fattibilità a fine 2015, ma ad oggi non vede vicina la conclusione dei lavori.

Giovanni Mulè, candidato sindaco.

Novellara, aprile 2019.

Giovanni Mulè, questo è il nome del candidato sindaco per la lista del movimento 5 stelle di Novellara. 

Mulè (42 anni), operaio, sposato e padre di due figli, già consigliere comunale per il m5s, volontario della croce rossa e molto attivo nelle associazioni locali, soprattutto con il gruppo scuola, appassionato di mini moto. 

La cosa che colpisce di più di Mulè è il sorriso ma soprattutto la disponibilità che ha dimostrato con tutti i cittadini negli anni da consigliere comunale, esperienza che ha portato il gruppo degli attivisti a sceglierlo come candidato. 

La lista per il consiglio comunale comprende alcuni candidati della scorsa campagna elettorale, ma anche volti nuovi: Canova Valentina, barista;  Anna Reglioni, educatrice; Cinzia Daolio, tecnico di radiologia; Concetta Rossetti, insegnante; Guglielmina Pellegri, pensionata; Stefano Paterlini, consigliere uscente ed ex candidato sindaco; Torsten Dilas operaio; Paolo Bernini operaio; Franco Barbieri pensionato; Pace Francesco operaio; Roberto Beltrami pensionato; Davide Pecorini veterinario; Matteo Ferrazzano tecnico informatico.

Il candidato primo cittadino ci tiene a sottolineare che come unica sede fisica del movimento novellarese riconoscerà solo la piazza e i banchetti, come simbolo universale di dialogo e incontro  con i cittadini. “Il m5s a Novellara c’è sempre stato in questi 5 anni, tant’è che il gruppo ha stimato di aver fatto circa 250 banchetti, 80 atti comunali (Mozione lisozima, controllo del vicinato,   solo per citare, 8×1000 edilizia scolastica); promosso diverse raccolte firme tra cui: pacchetto sicurezza; no fantozza (no alle prospezioni di ricerca idrocarburi sul territorio) e aiutato il comitato pendolari della linea Reggio Emilia-Guastalla nella loro petizione. Siamo certi che i novellalesi sapranno riconoscere il nostro impegno costante” . Mulè e la sua squadra stanno lavorando in questi giorni al programma elettorale e all’individuazione di figure tecniche per coprire il ruolo di assessori. Nei prossimi giorni verranno organizzati incontri pubblici mirati per presentare i candidati e successivamente il programma elettorale ribattezzato: “obbiettivi cittadini”. Domenica 14 aprile è stato organizzato un pranzo di auto finanziamento dove saranno presenti alcuni parlamentari locali. 

GRAZIE AI FONDI STRAORDINARI ASSEGNATI DAL GOVERNO PER I COMUNI, IL CONSIGLIO COMUNALE DI NOVELLARA:

“ha recepito nel bilancio di previsione 2019-2021 anno 2019 l’assegnazione delle risorse straordinarie con decreto del Capo del Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’interno del 10 gennaio 2019, (pubblicato Gazzetta Ufficiale n. 11 del 14 gennaio 2019 ) – “Assegnazione ai comuni aventi popolazione fino a 20.000 abitanti dei contributi per la realizzazione di investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale, per l’anno 2019, ai sensi dell’articolo 1, comma 107, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, legge di bilancio 2019” . L’importo dell’assegnazione è di € 100.000 che saranno utilizzati per due interventi di messa in sicurezza di: 

  • STRADA dei BOSCHI: € 45.000,00 
  • Manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di STRADA VALLE e VIA FRASSINARA: € 55.000,00. “

http://www.comune.novellara.re.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=17316

Il cambiamento continua…. 

Video Senatrice Montanari / Trivellazioni Situazione

Tutela del consumatore

NOVELLARA. Il m5s in data 22 gennaio ha presentato una mozione in consiglio comunale, riguardante il “declassamento del Lisozima da conservante a ingrediente” . http://www.novellara5stelle.it/Documenti_Pubblici/Mozione.Lisozoma.pdf

Con una nota dello scorso 8 maggio il ministero della Salute ha declassato, nella produzione del formaggio Grana Padano DOP, il lisozima (antifermentativo, antibatterico) da “CONSERVANTE” a “COADIUVANTE TECNOLOGICO”. 

Il declassamento del lisozima nella produzione del Grana Padano DOP può comportare un grave danno commerciale ai danni del Parmigiano-Reggiano in quanto annullerebbe, agli occhi dei consumatori, la prima e più evidente differenza tra i due formaggi.

Riteniamo che tale atto non sia di stimolo a una produzione maggiormente sostenibile e qualitativamente migliore del Grana Padano DOP

il Parmigiano-Reggiano DOP è eccellenza indiscussa del nostro territorio da quasi otto secoli, espressione di un’agricoltura e di una cucina che sono diventate segno distintivo della città e del suo stesso tessuto sociale ed economico.

Non dimentichiamo che il Consorzio di Tutela del Parmigiano-Reggiano ha presentato ricorso gerarchico al Presidente della Repubblica contro tale atto.

Pertanto, chiediamo a sindaco e giunta a trasmettere il presente ODG a tutti gli eletti reggiani in Regione, alla Camera e al Senato a sollecitare direttamente i propri rappresentanti nei vari Ministeri (Ministero della Salute, delle Politiche Agricole, per lo Sviluppo Economico) affinché si proceda con urgenza all’annullamento o correzione del provvedimento in questione. 

Next Page